Fertilità: la gioia di essere genitori

Fertilità e Essere/diventare genitori - Dott.ssa Lucia Caimmi

L’OMS stima che al mondo attualmente almeno il 6% delle coppie pur avendo una normale attività sessuale non protetta non riesce a procreare, questo dato si sposta al 15- 20% delle coppie nei paesi industrializzati, dove assieme ai problemi organici riguardo la sterilità si sono questioni socio-economiche ambientali di stress psicologico.

Nella nostra società inoltre l’aumento dell’età media delle coppie che cercano la prima gravidanza anche a casa delle suddette problematiche, incide in maniera significativa riguardo alla capacità di procreazione.

Il desiderio di un figlio di costruire una famiglia e la scoperta dell’infertilità sono due passaggi molto complessi del vissuto del soggetto adulto.

Il desiderio di procreare è vissuto da ogni singolo individuo in modo soggettivo ma le motivazioni accomunano i sentimenti provati dalla donna e dall’uomo.

Entrambi i soggetti esprimono la propria completezza sessuale, rispondono ad una attesa sociale e di genere: la donna di venire madre palesa il suo ruolo che è la portatrice di nuova vita, l’uomo nel donare prole alla sua compagna, si assicura continuità nel futuro e da prova manifesta al suo gruppo sociale della sua virilità e la sua capacità individuale di mantenere una famiglia.

Entrambi dimostrano a se stessi e al proprio gruppo sociale di appartenenza la maturità sessuale, quindi la capacità di portare avanti nel tempo i propri impegni è una garanzia di serietà che manifesta affidabilità.

Generare i figli introduce nella coppia un ruolo diverso quello di genitore, la coppia non è più composta solo da due persone ma diventa una famiglia.

Nel pensare e nel cercare di avere un figlio ogni individuo va incontro alla storia del suo essere figlio, della sua famiglia d’origine, e di tutte le sue relazioni primarie, dello stato emotivo della sua coppia attuale.

Nel percorso di ricerca del concepimento sia esso naturale o assistito, ogni individuo è sottoposto ad un notevole numero di eventi stressanti a cui di solito non si è preparati.

Nella procreazione medicalmente assistita il susseguirsi di esami clinici più o meno invasivi, i tempi di attesa dei risultati degli esami, o tra un esame ed un altro, dover tollerare gli effetti collaterali pesanti delle stimolazioni ormonali, sono solo alcuni degli esempi in cui ci si imbatte nel trattamento dell’infertilità.

Il sostegno psicologico alla coppia in fase di progettualità genitoriale si sviluppa, da un lato sino all’accompagnamento alla nascita del nuovo individuo, dall’altro a tutte quelle modalità alternative di essere genitore che ai nostri giorni sono possibili.

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Dott.ssa Lucia Caimmi
Psicologa Psicoterapeuta
Ancona (AN): Via Marsala, 17
335.7911683 - scrivi una mail
02016210425 - CMMLCU63T44A271Y
Iscrizione Ordine Psicologi Marche n. 401

Seguimi sui Social:

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin